In molti credono erroneamente che l’installazione di un buon software antivirus sia sufficiente a proteggere i propri dati custoditi in ambienti digitali.
In realtà, la sicurezza dei dati informatici va tutelata con tecnologie e soluzioni che vanno oltre la semplice protezione di un software antivirus.
In questo articolo, esploreremo le ragioni per cui l’antivirus non è abbastanza e quali misure aggiuntive sono necessarie per proteggere efficacemente i dati.

sicurezza dati informatici

La protezione antivirus e le sue limitazioni

Un antivirus è una componente essenziale per la sicurezza informatica. Si tratta di una soluzione, seppur parziale, progettata per rilevare, isolare e rimuovere malware come virus, trojan, worm e ransomware. Nonostante sia fondamentale possedere una soluzione di protezione antivirus centralizzata all’interno di ogni organizzazione, ci sono diverse ragioni per cui da solo non può garantire una protezione completa.

La prima ad esempio è che hacker e criminali informatici sono costantemente alla ricerca di nuovi modi per superare le difese degli antivirus.
Questo significa che anche l’antivirus più aggiornato potrebbe non essere in grado di rilevare tutte le minacce più recenti. Inoltre, esistono delle minacce malware, come il malware polimorfico, sono progettate per modificare costantemente il proprio codice in modo da eludere la scansione dell’antivirus.

In aggiunta a quanto già detto, gli antivirus possono commettere errori.
Possono segnalare la presenza di falsi positivi, cioè identificare erroneamente file legittimi come minacce o falsi negativi, ovvero non rilevare malware pericolosi. Questi errori possono avere gravi conseguenze.

Ma consideriamo ancor di più tecnicamente il funzionamento dell’antivirus. Molti software anti malware si basano su firme digitali e modelli di comportamento. Questo significa che potrebbero non rilevare nuovi tipi di malware o minacce che agiscono in modo molto sottile e silenzioso.
Ad esempio, i ransomware possono criptare i file senza mostrare segni evidenti di infezione, rendendo difficile la loro individuazione.
L’antivirus inoltre non è in grado di rilevare le minacce più complesse, come gli attacchi di phishing o le campagne di spam.
Gli attacchi di phishing sono attacchi informatici che mirano a ottenere informazioni personali o sensibili da utenti ignari.
Le campagne spam, invece, sono invii massivi di email non richieste, spesso contenenti malware.

Vulnerabilità

Un aspetto spesso trascurato ma cruciale della sicurezza dei dati in informatica è la gestione delle patch e degli aggiornamenti.
Le aziende software rilasciano costantemente patch per coprire vulnerabilità conosciute nei loro prodotti. Ignorare queste patch è come lasciare una porta aperta per gli hacker. Anche se si possiede un antivirus di qualità, se non mantieni il tuo sistema operativo, il software e le applicazioni aggiornate, il computer sarà predisposto a minacce che sfruttano queste vulnerabilità.

Ad esempio, un ricercatore di SafeBreach ha rivelato una grave vulnerabilità di sicurezza in alcune delle principali soluzioni antivirus, mettendo a rischio la protezione dei dati degli utenti. La vulnerabilità, chiamata Aikido, sfrutta un meccanismo noto come “time-of-check to time-of-use (TOCTOU)” per sostituire file legittimi con file malevoli, portando alla rimozione accidentale di dati personali o componenti di sistema critici.

Un altro aspetto da prendere in considerazione sono le vulnerabilità zero-day.
Le vulnerabilità zero-day sono falle di sicurezza sconosciute o non ancora corrette nei software. Queste vulnerabilità possono essere sfruttate dagli hacker prima che vengano scoperte e corrette. L’antivirus non è in grado di proteggere contro queste minacce, poiché non ha conoscenza delle vulnerabilità non ancora divulgate. Nuove vulnerabilità zero-day e conseguenti half-day, vengono scoperte ogni giorno: la gestione rapida delle patch e l’implementazione di sistemi di rilevamento e prevenzione delle intrusioni rappresentano passi cruciali nella difesa delle infrastrutture aziendali contro le minacce in continua evoluzione.

Le vulnerabilità nei software di sicurezza informatica non rappresentano una novità, essendo presenti da decenni, sebbene abbiano iniziato a ricevere l’attenzione che meritano solo a partire dal 2005.

La protezione dei dati personali conservati in digitale

L’antivirus è principalmente progettato per rilevare e rimuovere malware, ma non basta a proteggere al 100% l’integrità dei dati.
Il furto di identità, ad esempio, è un crimine informatico che non può essere prevenuto da un antivirus. Proteggere i dati personali richiede una serie misure aggiuntive.

Una Virtual Private Network (VPN) crittografa la connessione Internet, nascondendo le attività online e proteggendo i dati da occhi indiscreti. Questa è una misura importante per chi desidera mantenere la propria privacy online.

Inoltre, un aspetto spesso trascurato della sicurezza informatica riguarda l’educazione e la consapevolezza degli utenti. Anche il miglior antivirus al mondo non può proteggere contro gli errori umani. Gli utenti devono essere educati a riconoscere le minacce comuni, come il phishing, che coinvolge l’inganno degli utenti per rivelare informazioni personali o finanziarie.

Per questo è bene osservare determinate accortezze:

  • Utilizzare password forti e uniche per tutti i servizi online.
  • Non condividere le password con nessuno.
  • Evitare di accedere a servizi online pubblici utilizzando reti Wi-Fi non sicure.
  • Essere cauti nell’aprire e-mail da mittenti sconosciuti o sospetti.
  • Non cliccare su link o allegati contenuti in e-mail sospette.

Strategia multilivello per proteggere i dati a livello informatico

Per garantire una protezione efficace dei dati informatici, è necessario adottare una strategia multilivello. Questa strategia si basa su diversi strati di sicurezza che lavorano sinergicamente per proteggere i tuoi dati. Alcuni dei principali componenti di una strategia multilivello includono:

  1. Mantenere costantemente aggiornati il sistema operativo e le applicazioni è fondamentale per ridurre le vulnerabilità.
    Mentre gli aggiornamenti mirano a migliorare le funzionalità e le prestazioni di un sito, le patch sono interventi di codifica preventivi effettuati dagli amministratori di sistema per proteggere il sito da vulnerabilità esterne e risolvere eventuali difetti nel sistema. La gestione delle patch assume un ruolo cruciale nella sicurezza e, di conseguenza, nella protezione dei dati. Questo perché i cybercriminali sono costantemente alla ricerca di vulnerabilità nei sistemi, che possono sfruttare per creare minacce dannose.
  2. I firewall di rete possono impedire l’accesso non autorizzato al tuo computer. Un firewall è un componente di sicurezza informatica progettato per monitorare e controllare il traffico di rete tra una rete privata (come quella di un’azienda o di un individuo) e una rete pubblica (come Internet). La sua principale funzione è quella di agire come una barriera protettiva, impedendo l’accesso non autorizzato e proteggendo la rete da minacce esterne, come hacker, malware e attacchi informatici. I firewall possono essere implementati in vari modi, inclusi firewall hardware, firewall software e firewall basati su cloud.
  3. Eseguire regolarmente il backup dei dati importanti in una posizione sicura è un modo efficace per proteggere i dati da perdite dovute a malware, danni fisici o altri eventi. Il concetto di backup nell’ambito informatico svolge un ruolo fondamentale in qualsiasi strategia di gestione dei dati. La capacità di gestire ed elaborare le informazioni costituisce la chiave di volta per il successo delle moderne imprese digitali. Per questo motivo, è essenziale adottare un percorso graduale e ben strutturato nell’ambito della gestione dei dati. Solo attraverso questo approccio le aziende possono raggiungere un alto livello di competenza in campi quali la gestione dei dati e delle analisi, l’intelligenza artificiale e molto altro ancora.
  4. La crittografia dei dati può proteggere le informazioni sensibili da accessi non autorizzati. La crittografia rappresenta un sistema di protezione intrinsecamente connesso alla sicurezza dei dati. Questo processo si basa sulla trasformazione dei caratteri del testo attraverso l’utilizzo di un algoritmo crittografico, che li rende essenzialmente indecifrabili. Per accedere alle informazioni cifrate, è necessario utilizzare una chiave digitale specifica, che funge da “chiave di accesso” e permette di rendere leggibili i dati. Oggi le funzioni crittografiche disponibili sono estremamente sofisticate, rendendo estremamente complesso l’accesso non autorizzato ai dati cifrati. È fondamentale, ovviamente, che la chiave digitale sia mantenuta il più segreta possibile, poiché la sua distribuzione in modo improprio rappresenta un rischio per la sicurezza dei dati.
  5. Utilizzare una VPN per nascondere le tue attività online e proteggere la tua privacy. Le VPN (Virtual Private Network) sono servizi che consentono di creare una connessione privata e sicura tra un dispositivo e Internet. Una VPN crittografa il traffico di rete, rendendolo indecifrabile per gli osservatori esterni.
  6. Investire nel miglioramento della consapevolezza degli utenti è un componente cruciale della strategia di sicurezza, soprattutto all’interno di un’azienda. La formazione dei dipendenti dovrebbe essere personalizzata in base ai rischi specifici a cui sono esposti quotidianamente.

Conclusioni

Anche se l’antivirus è un elemento importante nella protezione dei dati informatici, non può garantire una sicurezza completa da solo. La crescente complessità delle minacce, la necessità di patch e aggiornamenti, la protezione della privacy, l’educazione degli utenti e una strategia multilivello sono tutti elementi fondamentali per una protezione efficace dei dati informatici. La sicurezza informatica richiede un approccio compatto che tenga conto di tutte queste considerazioni. Per proteggere in modo affidabile i dati, è essenziale rimanere informati sulle minacce emergenti e adottare le migliori pratiche di sicurezza in tutte le fasi dell’utilizzo dei computer e dei dispositivi connessi.